Musica Italiana

'A Sunnambula

( Canta: Renato Carosone )
( Autori: E. Alfieri - G. Pisano - 1958 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Carmela č na bambola,
e fa 'ammore cu me.
Ma 'a mamma č terribile,
nun mm' 'a vň' fá vedé.

Allora aggio truvato
nu bellu ritrovato,
Carmela fa 'a sunnambula
pe' mme vení a truvá.

E fa scema a mammá!

E cu 'a scusa ch'č na sunnambula,
chesta bambola, nčh, che fa.
Tutt' 'e ssere, pe' copp'a ll'ásteco.
včne a ll'ůnnece a passiggiá.

'Ncopp'a ll'ásteco ce stóngh'io
e lle dico: "Stó' ccá pe' te".
E 'a sunnambula, ch'č na bambola,
fa 'a sunnambula 'mbracci'a me.

'O pate, 'On Arcangelo,
pe' dispietto nun vň'.
Lle sóngo antipatico
e mm'ha ditto ca no.

Ma a me che mme ne 'mporta,
io tengo aperta 'a porta,
Carmela, comm''o ssolito
mme včne a cunzulá.

E fa scemo a papá!

E cu 'a scusa ch'č na sunnambula,
chesta bambola, nčh, che fa.
Tutt' 'e ssere, pe' copp'a ll'ásteco,
včne a ll'ůnnece a passiggiá.

'Ncopp'a ll'ásteco ce stóngh'io
e lle dico: "Stó' ccá pe' te".
E 'a sunnambula, ch'č na bambola,
fa 'a sunnambula 'mbracci'a me.

E cu 'a scusa ch'č na sunnambula,
chesta bambola, nčh, che fa.
Tutt' 'e ssere, pe' copp'a ll'ásteco,
včne a ll'ůnnece a passiggiá.

'Ncopp'a ll'ásteco ce stóngh'io
e lle dico: "Stó' ccá pe' te".
E 'a sunnambula, ch'č na bambola,
fa 'a sunnambula 'mbracci'a me.

E 'a sunnambula, ch'č na bambola,
fa 'a sunnambula 'mbracci'a me!


Carmela č una bambola
ed č fidanzata con me.
Ma la mamma č terribile,
non me la vuole far vedere.

Allora ho trovato
un bel ritrovato:
Carmela fa la sonnambula
per vernirmi a trovare

E fa scema la mamma!

E con la scusa che č una sonnambula
questa bambola sai che fa.
Tutte le sere sopra il terrazzo
viene alle undici a passeggiare.

Sopra al terrazzo ci sono io
e le dico: "Sono qui per te".
E la sonnambula, che č una bambola,
fa la sonnambula in braccio a me.

Il padre, Don Arcangelo,
per dispetto non vuole.
Gli sono antipatico
e mi ha detto di no.

Ma a me che me ne importa,
io lascio aperta la porta,
Carmela, come solito,
mi viene a consolare.

E fa scemo il papŕ!

E con la scusa che č una sonnambula
questa bambola sai che fa.
Tutte le sere sopra il terrazzo
viene alle undici a passeggiare.

Sopra al terrazzo ci sono io
e le dico: "Sono qui per te".
E la sonnambula, che č una bambola,
fa la sonnambula in braccio a me.

E con la scusa che č una sonnambula
questa bambola sai che fa.
Tutte le sere sopra il terrazzo
viene alle undici a passeggiare.

Sopra al terrazzo ci sono io
e le dico: "Sono qui per te".
E la sonnambula, che č una bambola,
fa la sonnambula in braccio a me.

E la sonnambula, che č una bambola,
fa la sonnambula in braccio a me!