Musica Italiana

Agata

( Canta: Massimo Ranieri )
( Autori: G. Cioffi - G. Pisano - 1937 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Io mme metto 'o steccadente in bocca
pe' nun fum.
Nun ce veco e nun mm'accatto 'e llente
pe' sparagn.

Vivo solo col mensile
d'impiegato comunale,
spacco 'a lira e spacco 'o soldo,
spacco pure 'o "duje cent'".

Spacco 'e scarpe e nun m' accatto
pa' te fa' fa' lusso a te
e tu, invece, te la intendi
col padrone di un caff.

Agata! Tu mi capisci?
Agata! Tu mi tradisci!
Agata! Guarda! Stupisci!
Com' ridotto quest'uomo per te!

Mm'accattaje nu cappelluccio tuosto
tre anne fa.
E, 'a tre anne, 'o tengo sempe 'ncapa.
Nun c' che f.

Stu vestito grigio scuro,
s' cambiato di colore,
mo s' fatto verde chiaro.
Era n'abito 'e pap.

E mm'ha ditto 'o cusetore:
"Nun v'o pzzo arrevut,
ll'aggio troppo arrevutato.
Ve cunziglio d''o jett".

Agata! Tu mi capisci?
Agata! Tu mi tradisci!
Agata! Guarda! Stupisci!
Ch' ridotto quest'uomo per te!

Ho ridotto il pasto giornaliero,
sempre per te.
'A matina, nu bicchiere d'acqua
senza caf!

Vngo casa e nun te trovo,
'o purtiere tene 'a chiave.
- Dov' andata? -
- A' sala 'e ballo!

Mi commuovo e penzo che
te facive 'a partetella
tutt''e ssere, 'nziem'a me.
Mo mme faccio 'o sulitario,
guardo in cielo e penzo che:

Agata! Tu mi capisci?
Agata! Tu mi tradisci!
Agata! Guarda! Stupisci!
Ch' ridotto quest'uomo per te!

Agata!
Guarda! Stupisci!
Eh! Stupisci!
Ch' ridotto quest'uomo per te!

Ol, e' fini'!


Io metto lo stuzzicadenti in bocca
per non fumare.
Non ci vedo e non compro gli occhiali
per risparmiare.

Vivo solo col mensile
di impiegato comunale,
sto attento alla lira e al soldo,
sto attento anche ai "due centesimi"

Rompo le scarpe e non le ricompro
per far fare il lusso a te
e tu, invece, te la intendi
col padrone di un caff.

Agata! Tu mi capisci?
Agata! Tu mi tradisci!
Agata! Guarda! Stupisci!
Com' ridotto quest'uomo per te!

Mi comprai un cappello rigido
tre anni fa.
E da tre anni lo porto sempre in testa.
Non c' niente da fare.

Questo vestito grigio scuro,
ha cambiato di colore,
ora diventato verde chiaro.
Era un vestito di pap.

E mi ha detto il sarto:
"Non lo posso rivoltare,
l' ho gi troppo rivoltato.
Vi consiglio di buttarlo".

Agata! Tu mi capisci?
Agata! Tu mi tradisci!
Agata! Guarda! Stupisci!
Com' ridotto quest'uomo per te!

Ho ridotto il pasto giornaliero,
sempre per te.
Al mattino, un bicchiere d'acqua
senza caff!.

Vengo a casa e non ti trovo,
il portiere ha la chiave.
- Dov' andata?
- In discoteca.

Mi rattristo e penso che
facevi una partitella,
tutte le sere, con me.
Ora mi faccio un solitario,
guardo il cielo e penso che:

Agata! Tu mi capisci?
Agata! Tu mi tradisci!
Agata! Guarda! Stupisci!
Com' ridotto quest'uomo per te!

Agata!
Guarda! Stupisci!
Eh! Stupisci!
Com' ridotto quest'uomo per te!

Ol, finita!