Musica Italiana

Addio mia bella Signora

( Canta: Luciano Tajoli )
( Autori: E. Neri - G. Simi - 1921 )


Addio mia bella signora,
lasciamoci così senza rancor,
al destino che vien, rassegnarsi convien,
sospirare, piangere, perché?

No, la commedia è inutile,
ti leggo in fondo al cuore,
quello che vuoi nascondermi
sta scritto in fronte a te.

Su, non mentire, dimmelo
che spento è il nostro amore,
tanto che vale illudersi,
tutto finisce, ahimè!

Addio mia bella signora,
lasciamoci così senza rancor,
al destino che vien rassegnarsi convien,
sospirare, piangere, perché?

Tu sei passata incognita
un dì sul mio cammino,
io, senza nulla chiederti,
t'accolsi in braccio a me.

Confusi in un sol palpito,
il mio col tuo destino.
Ora mi dici:
"Vattene, vedi, non t'amo più"

Addio, addio mia bella signora,
va pure, segui pure il tuo destin,
saprò dire al mio cuor:
"È finito l’amor, la chimera fragile passò".

Addio mia bella signora.