Musica Italiana

Addio mia bella Napoli

( Canta: il tenore Giuseppe di Stefano )
( Autori: Manlio - N. Valente - 1946 )

Originale in dialetto napoletano In italiano corrente

Bionda, te guardo e d'int' 'a stuocchie belle
ce 'sta 'a bellezza e 'a 'nfamità d''o mare,
ce veco 'o cielo arricamato 'e stelle,
surgiva d'acqua fresca tu me pare.
Ma 'o core mio ricchezza nun ne tene
però te sape scrivere 'na canzone.

Addio, mia bella Napoli,
m'hè suspirato tu
e tu nun tuorne chiù.
Te scuorde d''o paese d''e sirene,
e doppo tanto bene
te scuorde pure 'e me.

Mamma me legge 'sta malincunia
e sape ca me perdo pe' st'ammore.
Me fà na smorfia finta d'allegria
e po' m'estregne forte 'ncopp' 'o core.
No! Nun lle dico 'o male ca me faje,
o' campo, o' moro, nun'nce 'o dico maje.

Addio, mia bella Napoli,
m'hè suspirato tu
e tu nun tuorne chiù.
Te scuorde d''o paese d''e sirene,
e doppo tanto bene,
te scuorde pure 'e me.

Te scuorde d''o paese d''e sirene,
e doppo tanto bene,
te scuorde pure 'e me!


Bionda, ti guardo e dentro questi occhi belli
c'è la bellezza e la cattiveria del mare,
ci vedo il cielo ricamato di stelle,
sorgente d'acqua fresca tu mi sembri.
Ma il cuore mio ricchezze non ne ha
però ti sa scrivere una canzone.

Addio, mia bella Napoli,
mi hai sospirato tu
e tu non torni più.
Ti dimentichi del paese delle sirene,
e dopo tanto bene
ti dimentichi pure di me.

Mamma legge in me questa malinconia
e sa che mi perdo per questo amore.
Mi fa una smorfia finta di allegria
e poi mi stringe forte sul suo cuore.
No! Non le dico il male che mi fai,
o vivo o muoio, non glielo dico mai.

Addio, mia bella Napoli,
mi hai sospirato tu
e tu non torni più.
Ti dimentichi del paese delle sirene,
e dopo tanto bene
ti dimentichi pure di me.

Ti dimentichi del paese delle sirene,
e dopo tanto bene
ti dimentichi pure di me!