Musica Italiana

Acquaiolo

( Canta: Luciano Tajoli )
( Autori: A. Natili - P. Bassi - 1952 )


Oè! Chi vo' bevere!
Acqua gelata è comme vase senza ammore!
Oè! Nisciuno vene a me!

Perchè l'amore nostro non sia cosa delusa
io me ne vado all'estero,
ma presto tornerò.

Ma tu, mio solo bene, aspetterai
e lo giuri che mi penserai?
Un bacio e il giuramento suggellò.

Ullero, ullero! Cuore sincero!
A bordo d'un vapore, triste e solo,
piangendo s'allontana l'acquaiolo.

L'hanno visto singhiozzare,
un'immagine invocare ed un ricciolo baciare.
Il solo pegno d'amor!

Ullero, ullero! Cuore sincero!
A bordo d'un vapore, triste e solo,
già sogna di tornare l'acquaiolo.

Le raccoglieva il vento
le pene del suo cuore
e al mare tutti i palpiti col canto confidò.

Tornò per riveder la sua piccina
ma al suo ritorno, una mattina,
già sposa a un altro cuore la trovò.

A bordo d'un vapore, triste e solo,
per sempre s'allontana
l'acquaiolo.

Oè! Chi può vivere!
L'acqua gelata scorre dint'e vene!
Oè! Stu core va a murì!